Young People’s Concerts: divulgazione di qualità. Parola di Leonard Bernstein

Perepepé - Bernstein

Oggi, chi vuole imparare o studiare la musica ha a disposizione le straordinarie risorse del web. Basti pensare a YouTube: milioni di video musicali di ogni tipo. Chi vuole suonare uno strumento, scoprire o ripassare gli accordi di una canzone, vedere da vicino come si utilizza una tecnica particolare, sa che basta cercare. Dai concerti dei grandi interpreti di ogni genere musicale, alle cover version più alternative, ai video tutorial, ai veri e propri corsi di musica, su YouTube non manca niente. Certo, poi per diventare bravi ci vuole, talento, sudore e olio di gomito, esattamente come per tutte le generazioni precedenti.
Ma di fronte ai milioni di video su YouTube, è stupefacente realizzare che alcune delle migliori lezioni di musica sono… in bianco e nero, sono state registrate oltre mezzo secolo fa, parlano di musica scritta addirittura uno o due secoli prima. E nonostante tutta questa “distanza” dalla nostra contemporaneità, queste lezioni suonano moderne, fresche, efficaci.
Il merito è tutto di Leonard Bernstein, l’affascinante direttore d’orchestra di questi “Young People’s Concerts”, uno dei più grandi compositori e direttori orchestra del XX secolo. Forse il suo nome non vi dice nulla ma tutti sapete fischiettare una sua musica: basti pensare a “Maria” o agli altri temi del musical West Side Story.
Le lezioni del Maestro Bernstein, realizzate e trasmesse dalla CBS fino al 1968, oltre che online si trovano anche in dvd e sui canali digitali tematici. Sono lezioni che avvengono sul palco di un teatro, davanti a una platea di ragazzi e sfruttano in pieno lo strumento musicale più ricco, versatile e affascinante che l’uomo abbia mai realizzato: l’orchestra sinfonica.
Guidando con sicurezza i suoi 60 musicisti della New York Philarmonic Orchestra, Bernstein mostra come nascono i suoni, spiega come lavorano le diverse sezioni, introduce ai concetti basici (tonalità, forma sonata, armonia) e racconta con grande semplicità alcuni dei “misteri” della musica classica e sinfonica.
Con grande eleganza, una punta di humor e qualche esempio al pianoforte che punteggia il racconto, Bernstein, mezzo secolo fa, ci ha regalato delle lezioni che ancora oggi restano un perfetto esempio di divulgazione: per la capacità di raccontare in modo semplice ciò che è complesso e di dimostrare direttamente con l’esperienza le proprie affermazioni.

Quindi, ragazzi, la prossima volta che a scuola, il professore di musica è assente, quel giorno non vi occorre un supplente. Aprite YouTube e cercate “Young People’s Concerts”. E buon ascolto.

Articolo uscito su Zero14, inserto del sabato di Gazzetta di Modena.
Ci si può abbonare online o anche comprare la singola copia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *